Edifici storici

La manutenzioni ordinarie e straordinarie compiute all’interno di edifici storici comportano cure particolari e modalità di intervento studiate appositamente per la situazione.

In caso di presenza di vincoli monumentali tutti i lavori di manutenzione straordinaria e in parte anche ordinaria dovranno essere sottoposte all’autorizzazione della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio.

L’autorizzazione comporta:
–  Documentazione fotografica a colori
–  Relazione storico-artistica
–  Relazione tecnica
–  Computo metrico estimativo
–  Planimetrie generali
–  Rilievo geometrico
–  Rilievo materico
–  Rilievo di dissesti statici e/o carenze strutturali
–  Progetto di conservazione dei materiali
–  Progetto di consolidamento strutturale con particolari costruttivi
–  Tavole del progetto di riuso
–  Tavole comparative
–  Assonometria e prospettiva di progetto
–  Tavola storico-stratigrafica
–  Tavole illustrative dell’impiantistica
–  Relazione sulle indagini stratigrafiche
–  Progetto di conservazione degli intonaci
–  Simulazione grafica a colori
–  Planimetria e prospetti in scala 1:10
–  Mappatura del degrado in scala 1:10
–  Mappatura dell’intervento di risanamento
–  Schede tecniche dei materiali
–  Campagna di indagini preventive
–  Mappatura stratigrafica
–  Elaborati grafici
–  Mappatura del degrado in scala 1:10
–  Mappatura dell’intervento di risanamento

Detrazioni fiscali per edifici storici:

Gli edifici storici vincolati godono di ulteriori detrazioni fiscali che dovranno essere evidenziate e la cui richiesta deve essere allegata alla presentazione della domanda in Soprintendenza.